Sta (ri)crescendo il Pomodoro Re Umberto

Con la semina 2016, il nostro pomodoro della varietà Re Umberto, detto anche Fiascone, sta crescendo e prendendo forma nei terrazzamenti coltivati dai nostri “contadini custodi”.

Fiascone_Figlino_3_6-2016_Fiori_Pomodori_jpg

Dopo il semenzaio e il trapianto delle piantine ora è il tempo della cura tra vangatura e fertilizzazione naturale, tra irrigazione e cimatura, perché il pomodoro ama il terreno ben nutrito e drenato.Deve essere curato fin nei minimi dettagli.

Grazie all’agronoma Rosa Pepe del Crea-Ort di Pontecagnano e al Comitato Promotore dei Distretti Rurali, si seguono i vari passaggi con competenza e passione. E così si supportano i contadini custodi, essi stessi fonte di conoscenza e sapienza. Perché il nostro “Re Fiascone” è anche un senso della comunità che cresce.

Un voler restituire al territorio una parte della sua biodiversità rurale che si stava perdendo.